La fine del mondo è sempre più vicina stando a quanto segna l’orologio dell’Apocalisse. Una manciata di secondi e potrebbe sparire tutto, per sempre. Non stiamo parlando di previsioni irrealistiche, ma di previsioni scientifiche che dovrebbero farci riflettere sullo stato economico, politico, sanitario ed ambientale del nostro amato pianeta. Scopriamo cos’è l’orologio dell’Apocalisse e perché sta mettendo tutti in guardia.

Cos’è l’orologio dell’Apocalisse

L’orologio dell’Apocalisse, in lingua inglese Doomsday clock, è stato inventato nel 1947 e non è altro che uno strumento necessario a quantificare i rischi di una possibile fine del mondo. Il punto di non ritorno è la famigerata mezzanotte.

Quest’anno, iniziato da meno di un mese, ha già segnato un record storico negativo sul quadrante dell’orologio. 90 secondi alla fine del mondo è il valore più vicino alla mezzanotte mai segnato dal Doomsday clock. Quando fu fondato si partì da 7 minuti alla fine del mondo a causa della guerra fredda, poi il nuovo record si registrò nel 2020 a causa della pandemia di Coronavirus. In quell’occasione, tre anni fa, l’orologio dell’Apocalisse segnava 100 secondi alla fine del mondo.

Molti si chiederanno chi c’è dietro questo strumento che ha il compito di farci prendere sempre più consapevolezza sugli imminenti rischi di una catastrofe mondiale. La risposta a questa domanda è che ci sono 10 esperti insigniti dei Premi Nobel che fanno parte del Bulletin of the Atomic Scientists’ Science and Security Board (Sabs).

Le minacce all’integrità del mondo

Vediamo adesso quali sono gli eventi che potrebbero causare l’imminente fine del mondo.

Il cambiamento climatico

Il cambiamento climatico è un tema che spaventa principalmente le nuove generazioni e, nonostante gli sforzi di alcuni governi, risulta difficile da contrastare in maniera efficace. Gli effetti del Climate Change sono spaventosi in quanto prevedono l’innalzamento delle temperature con conseguenti incendi, siccità, e scioglimento dei ghiacciai.

Le minacce biologiche

Infine c’è il rischio di minacce biologiche. Non esiste solo il Covid-19, che ha dimostrato di essere in grado di mettere in ginocchio il mondo interno creando una crisi economica, sociale e sanitaria senza precedenti. Tanti altri virus letali sono dietro l’angolo e gli eventi di minacce biologiche sono sempre più frequenti e molto meno rari.

Leave a Reply

Your email address will not be published.